Similar Items

Lot 217

217: 1959 Ferrari 250GT SWB Berlinetta Speciale Bertone

View Catalog

img0 1
img1 2
img2 3
img3 4
img4 5
img5 6
img6 7
img7 8
img8 9
img9 10

Description

280 bhp at 7,000 rpm, 2,953 cc single overhead camshaft V-12 engine, three Weber 36 DCL/6 carburettors, four-speed manual gearbox, independent front suspension with A-arms, coil springs and telescopic shock absorbers, live rear axle with semi-elliptic leaf springs and telescopic shock absorbers, four-wheel disc brakes. Wheelbase: 2,400 mm (94.5 in.)

With the FIA placing more importance on GT cars in racing, building such dual-purpose cars presented few problems for Ferrari. Ferrari's first car to officially bear the GT moniker was the Europa introduced in 1954. The Boano/Ellena 250 GT coupés followed and then the 250 GT berlinettas in 1956. At this time the Tour de France was one of the world's most gruelling motor sport contests. A mixture of races and rally stages with long road sections between the events, the Tour de France lasted ten days and covered thousands of miles. In September 1956 a Ferrari berlinetta won the Tour and from then on these cars were known as 250 GT Tour de France. Ferrari dominated the Tour from 1956 to 1959 winning every year. "Gentlemen" drivers loved them and virtually dominated European GT racing from 1957 to 1959; however, the TdF was only a precursor to the mighty Ferrari that was to follow – the ultimate and even more competitive dual purpose machine – the 250 GT Short Wheelbase Berlinetta.

250 GT SWB Berlinetta

Introduced in 1959, the 250 GT SWB Berlinetta was designed with three objectives; first, to be more aerodynamically efficient, second, to be as compact as possible, and third, to provide appropriate accommodation and luggage space for a true gran turismo automobile.

Seven cars, known today as "Interim Berlinettas" were built on the 2,600 mm long wheelbase chassis before construction was shifted to the 2,400 mm short wheelbase chassis. The change was to improve the cars' responsiveness in cornering. Still called the 250 GT Berlinetta by Ferrari, its wheelbase has subsequently been firmly attached to the factory's model designation to distinguish it from numerous other 250 GT models and the 2,600 mm chassis "Interim Berlinettas."

Rumours of the new car had circulated for months amongst enthusiasts, drivers and the press and they were verified when the SWB Berlinetta was launched at the Paris Salon in October 1959. The car was the work of a small group of men at Maranello and included three young engineers, Giotto Bizzarini, Carlo Chiti and Mauro Forghieri. The new Ferrari stole the show and created immediate demand. So much so that, initially, delivery dates could not be confirmed.

The revised Colombo designed 60-degree V-12 engine had evolved into a powerful unit after six years of development. The cylinder heads adopted conventional coil valve springs, 12-port induction, more studs for better sealing and re-sited plugs for better combustion and ease of access.

The Ferrari 250 GT SWB Berlinetta would earn a reputation of almost mythical status and the car's success in competition was immediate. GT racing was dominated by the SWB Berlinetta on a global basis. GT wins were taken at Le Mans in 1960 and 1961, Tour de France wins in 1960, 1961 and 1962 and Stirling Moss's Tourist Trophy victories at Goodwood in '60 and '61 are just a handful of highlights. Moss described the 250 GT SWB Berlinettas as "very well-mannered, well-balanced cars…that also impressed me by their ability to change direction very quickly." The 250 GT SWB Berlinetta also took victories at Spa, Monza and Riverside and won the International GT Championship.

Chassis no. 1739 GT, Berlinetta Speciale Bertone

The unique car presented here, chassis no. 1739 GT, is the third 250 GT SWB Berlinetta built. It was commissioned by Dottore Enrico Wax of Genoa, Italy. Wax's company, Wax and Vitale SpA were importers, mostly of alcohol, into Italy. Their products included Johnnie Walker, Enzo Ferrari's favourite scotch, Moet et Chandon champagne. Wax was a personal friend of Enzo Ferrari and was considered one of the wealthiest men in Italy.

Dott. Wax ordered many cars from Ferrari for his personal use. All were "speciales" or had a host of special features. He liked extensive brightwork – stainless steel, polished nickel and chrome – which is evident throughout all his Ferraris and perhaps this one most of all.

The story behind the commissioning of 1739 GT came from former Ferrari Vice President Amerigo Manicardi who related that Dott. Wax expressed interest in 1959 in a speciale during a meeting with Enzo Ferrari, if he would allow him one of the first new short wheelbase chassis that were then under construction. Il Commendatore walked him across to the Competition Department where he pointed to the first chassis in a line of just three. Ferrari said that although it had been designated a works team car, it would instead be immediately assigned to the account of Dott. Wax. That chassis was 1739 GT.

As a Ferrari works car 1739 GT's intake and exhaust ports of the cylinder heads had been ground out and polished and had other competition details like velocity stacks, aluminium firewall, drilled transmission mount for lightness, polished leaf springs, solid spring bushings and much more. The 280 hp engine had a 9.8:1 compression ratio, the same as later Le Mans-prepared SEFAC hot rods. This car also had red cam covers, similar to the Testa Rossa, and is the only known GT to be equipped with these. 1739 GT was also the first Ferrari to be fitted with SNAP exhausts.

Chassis no. 1739 GT was sent to Bertone on 7 January 1960, to be fitted with a one-off body designed by Giorgetto Giugiaro, who was just 21 years old at the time. Giugiaro would go on to start his own business, Italdesign. Bertone was founded in 1912 by Giovanni Bertone. His son, Giuseppe, known as "Nuccio", took over the Turin company after the end of World War II. Nuccio was a gifted designer and constructor and continued the fine tradition of the carrozzeria, building the company from its humble beginnings into a major business. Bertone had made coachwork for only one Ferrari previously, a 166 Inter. 1739 GT was exhibited at the XLII Turin Motor Show in November 1960. The quality and artistry of this one-off coachwork was quite exceptional.

1739 GT was fitted with a brushed stainless steel roof, rockers and front and rear valances. It also had a one-off wire mesh grille, headlight covers and Ferrari's first ever rear window defroster. Additionally, the hood and fenders could be flipped forward to expose the entire engine and front chassis – a configuration referred to as a "clam shell". The interior featured rolled, pleated and fully adjustable folding seats, an unique "pistol grip" gear lever, electric windows and full fitted luggage. A particularly unique interior design feature is the central placement of the speedometer and tachometer, which predated the similar design found in the 250 GT Lusso by three years!

An oversize Ferrari emblem graced the hood and the side of the car was badged with Enrico Wax's initials "Prototype E.W." 1739 GT was also the first Ferrari to be fitted with Campagnolo cast magnesium wheels. This car significantly influenced later Ferraris, particularly the 250 GT Lusso. Battista '"Pinin" Farina was unrestrained in expressing his admiration for the design of this car and acknowledged borrowing liberally from it for future creations.

The build sheets show that the engine, gearbox and rear axle were completed during the summer of 1960 and the actual date of manufacture on the heritage certificate issued by the factory is 17 October 1960.

Enrico Wax sold the car in 1961 and it was subsequently owned by the Tacchini family before being exported to America in the seventies. The car remained in the US throughout the eighties and nineties and underwent a total restoration by Steven Tillack from 1982 to 1983. Lance Hill, a Hollywood screenwriter, acquired the car in 1998 and it was again subject to a total restoration over several years. More recently the car has been part of a famous collection and has been shown at some of the world's best known concours and events.

Ferrari historian Stan Nowak said of this car, "Possibly the one Ferrari that possesses all the criteria to contend for Best in Show at any major international concours, including Pebble Beach. One-off coachwork, influential design, debut at International Salon, commissioned by prominent personality, built on special chassis, abundant bright work, impeccable history."

Carrozzeria Bertone made just two coach built 250 GT SWB Ferraris. Both are unique. This car is in fabulous condition, with amazing detail throughout. It is a Pebble Beach entrant and award winner, voted "Most Elegant of Show" in 1983. It would continue to be a show stopper at all the best events and would make a centrepiece for any major collection.

An incredible amount has been written about this car, but Auto d'Epoca summed it up succinctly. "Arguably the most spectacular and important of coach built Ferraris – combines classic Ferrari elements of sensuous form with a racing soul."


280 CV a 7.000 giri/min., 2.953 cm³, motore V12 con un albero a camme in testa per bancata, tre carburatori Weber 36DCS, cambio a quattro marce, sospensioni anteriori a ruote indipendenti con quadrilateri trasversali, molle elicoidali e ammortizzatori telescopici, assale posteriore rigido con balestre semi-ellittiche, molle elicoidali coassiali con gli ammortizzatori telescopici, freni a disco idraulici. Passo: 2.400 mm

Con la FIA interessata a dare una maggiore importanza alle gare GT, costruire queste vetture dal duplice uso presentò pochi problemi per la Ferrari. La prima Ferrari a portare il nome GT fu l'Europa, presentata nel 1954, seguirono le 250 GT Boano/Ellena ed infine le 250 GT Berlinette nel 1956. In quell'epoca il Tour de France era una delle gare più dure del panorama internazionale: un misto di corse di velocità e di tappe da rally con lunghi tratti stradali di collegamento tra le prove speciali, il Tour de France aveva una durata di dieci giorni ed era lungo migliaia di chilometri. Nel Settembre 1956 una Berlinetta Ferrari vinse il Tour. Da allora in poi queste macchine furono conosciute come 250 GT Tour de France. Ferrari l'aveva già vinto nel 1951 e dominò tutte le edizioni dal 1956 al 1961. I "gentlemen drivers", così venivano chiamati i piloti dilettanti, le amavano e dominarono le gare europee della categoria GT dal 1957 al 1959: il TdF era solo il precursore della Ferrari che sarebbe seguita, la più efficace delle vetture dalla duplice personalità, la 250 GT Berlinetta a passo corto, denominata dagli inglesi SWB.

250 GT SWB Berlinetta

Presentata nel 1959, la 250 GT SWB Berlinetta fu disegnata con tre obbiettivi: primo, di essere più efficiente sul piano aerodinamico, secondo, di essere la più compatta possibile e terzo, di offrire ai passeggeri e ai loro bagagli un'abitabilità da vera granturismo.

Sette vetture, oggi conosciute come Berlinetta "Interim", furono costruite sul telaio con passo di 2,60 metri prima che il telaio venisse accorciato a 2,40 per incrementare la maneggevolezza nelle curve. Ancora denominata dalla Ferrari 250 GT Berlinetta, fu aggiunta la denominazione "passo corto" per distinguerla dai numerosi altri modelli 250 GT e dalle Berlinette "Interim" a passo lungo.

Le indiscrezioni sul nuovo modello, che circolavano da mesi tra appassionati, piloti e stampa, trovarono conferma quando la Berlinetta a passo corto fu lanciata al Salone di Parigi nel mese di Ottobre del 1959. La nuova macchina era nata a Maranello dal lavoro di uno sparuto gruppo di uomini, che includeva tre giovani ingegneri: Giotto Bizzarrini, Carlo Chiti e Mauro Forghieri. La nuova Ferrari rubò l'attenzione del Salone e raccolse immediatamente ordini: così tanti che non erano neanche ipotizzabili le date per la consegna.

Il motore V12 a 60° di Giacchino Colombo aveva guadagnato cavalli dopo 6 anni di continuo sviluppo. Le teste adottavano molle valvole convenzionali, 12 condotti singoli d'aspirazione, più tiranti per una migliore tenuta dei liquidi e la posizione delle candele era stata cambiata per permettere una migliore combustione e maggiore facilità d'accesso.

La Ferrati 250 GT Berlinetta a passo corto avrebbe guadagnato un'immagine quasi mitica e il successo nelle corse fu immediato. Le Berlinette SWB dominarono le corse ad ogni livello. Le vittorie nella categoria GT a Le Mans nel 1960 e 1961, e quelle assolute al Tour de France del 1960, 1961 e 1962, e di Stirling Moss al Tourist Trophy a Goodwood nel 1960 e 1961 sono solo alcuni tra i momenti da ricordare. Moss descrisse la Berlinetta a passo corto come "un'ottima vettura, molto ben bilanciata ..... che mi impressionò anche per la possibilità di eseguire cambi di direzione molto veloci". La 250 GT Berlinetta SWB conquistò vittorie anche a Spa, Monza, Riverside e vinse il Campionato Internazionale GT.

Telaio n. 1739 GT, Berlinetta Speciale Bertone

La macchina presentata, telaio n. 1739 GT, è stata la terza Berlinetta costruita. Venne commissionata dal dottor Enrico Wax di Genova: la sua ditta, la Wax e Vitale SpA, importava soprattutto alcolici in Italia. Tra i suoi prodotti c'erano l'whisky Johnnie Walker, il preferito da Enzo Ferrari, e lo champagne Moet et Chandon. Wax era amico personale di Enzo Ferrari ed era considerato uno tra le persone più ricche in Italia.

Wax acquistò parecchie Ferrari, tutte erano "speciali" o avevano una lunga lista di caratteristiche speciali. Amava i particolari lucenti, brillanti - l'acciaio inossidabile, il nichel lucidato e cromato - caratteristica che è evidente in tutte le sue Ferrari e probabilmente in questa più di ogni altra.

Il vice-presidente della Ferrari dell'epoca Amerigo Manicardi ha raccontato che nel 1959, nel corso di un incontro con Enzo Ferrari, il dottor Wax manifestò l'interesse di farsi costruire un'ennesima "speciale" se gli avesse concesso uno dei primi telai con passo corto che giusto allora erano in fase di costruzione. Il Commendatore lo accompagnò al Reparto Corse ed egli si fermò davanti al primo di una serie di 3 telai: malgrado che fosse già stato assegnato come base per una delle Berlinette ufficiali della Casa, gli venne immediatamente venduto. Quel telaio era il 1739 GT.

Come vettura ufficiale, i condotti della testa erano stati lavorati e lucidati, il motore aveva le cornette d'aspirazione, l'autotelaio aveva altri dettagli "corsa" come la paratia parafiamma in alluminio, i supporti del cambio forati per ottenere la massima leggerezza, le foglie delle balestre lucidate, boccole rigide di attacco delle stesse e molto altro. Il motore da 280 CV aveva un rapporto di compressione 9,8:1, lo stesso delle altre Berlinette ufficiali per Le Mans, che gli anglosassoni chiamano "SEFAC (Società Esercizio Fabbrica Automobili Corse) hot-rods (bielle roventi)". Questa vettura montava poi i coperchi della testa verniciati in rosso, simili a quelli delle Testa rossa da corsa, ed è l'unica GT che si conosce con questa caratteristica. La 1739 GT è stata anche la prima Ferrari ad essere equipaggiata con i terminali tipo SNAP.

Il telaio 1739 GT venne inviato a Bertone il 7 Gennaio 1960, per essere vestito con una carrozzeria disegnata dal ventunenne Giorgetto Giugiaro che avrebbe poi fondato la sua azienda, la Italdesign. La Carrozzeria Bertone era stata creata nel 1912 da Giovanni Bertone. Suo figlio Giuseppe, noto come "Nuccio", prese il comando alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Nuccio era un designer e costruttore di carrozzerie dotato di buon gusto e proseguì la tradizione, portando l'azienda dalle sue modeste origini ai massimi livelli. Bertone aveva fin o ad allora vestito solo un'altra Ferrari, una 166 Inter. La Berlinetta 1739 GT venne esposta a Novembre 1960 al Salone dell'Automobile di Torino. La qualità e l'elaborazione artistica di questa carrozzeria speciale era eccezionale.

Essa era dotata di un padiglione in acciaio inossidabile spazzolato, così come i brancardi e le cornici dei vetri anteriori e posteriori. Aveva anche la griglia formata dalle maglie di una rete , che proteggeva anche i fanali e, per la prima volta su di una Ferrari, il sistema di sbrinamento del lunotto. Inoltre, il cofano e la parte superiore dei parafanghi formavano un tutt'unico infulcrato sul davanti che, quando era aperto, mostrava il motore e la parte anteriore del telaio nella sua interezza - una soluzione denominata "a conchiglia". L'abitacolo presentava sedili avvolgenti e totalmente ribaltabili, una leva cambio con un'impugnatura a forma di calcio di pistola, vetri a comando elettrico e valige su misura. Molto caratteristico il posizionamento centrale, con orientamento verso il pilota, degli strumenti del contachilometri e del contagiri, che anticipava di tre anni il similare lay-out del 250 GT/L.

Un enorme stemma Ferrari ornava il cofano e sui lati della macchina c'era una scritta "Prototipo E.W." con le iniziali di Enrico Wax. La 1759 GT è stata anche la prima Ferrari a montare cerchi Campagnolo fusi in magnesio. Questa vettura ha significativamente influenzato i successivi modelli Ferrari, in modo particolare la 250 GT Lusso. Battista "Pinin" Farina era sincero nell'esprimere ammirazione per il design di questa macchina e riconobbe di averne approfittato liberamente per le sue future creazioni.

I fogli di montaggio Ferrari riportano che il motore, cambio e ponte posteriore furono completati durante l'Estate 1960 e la data di costruzione riportata nel Certificato di Autenticità è il 17 Ottobre 1960.

Enrico Wax vendette la vettura nel 1961 ed essa fu di proprietà della famiglia Tacchini prima di essere esportata in America negli Anni Settanta. La vettura rimase in USA per tutti gli Anni Ottanta e Novanta e fu sottoposta ad un restauro integrale da Steven Tillack tra il 1982 e il 1983. Lance Hill, uno sceneggiatore di Hollywood, la comprò nel 1998 e la sottopose ad un secondo restauro integrale che durò diversi anni. In tempi più recenti la vettura è entrata a far parte di una famosa Collezione ed è stata presentata in alcuni dei più prestigiosi concorsi ed eventi.

Lo storico Ferrari Stan Nowak disse di questa macchina "Probabilmente l'unica Ferrari che possiede tutte le caratteristiche per battersi per il titolo di Best of Show in tutti i maggiori concorsi d'eleganza, incluso Pebble Beach: carrozzeria unica, design innovativo, debutto in un Salone, ordinata da un' importante personalità, costruita su di un telaio speciale, cromature in abbondanza, storia impeccabile".

La Carrozzeria Bertone ha fatto solo due Ferrari 250 GT SWB. Entrambe sono uniche. Questa vettura è in condizioni favolose, con dettagli sorprendenti dovunque. Nel 1983 ha partecipato e vinto un premio a Pebble Beach, come "la più elegante dell'evento". Continuerà a fermare il traffico in tutti gli eventi più prestigiosi e potrebbe essere il pezzo centrale per ogni prestigiosa collezione.

Sono state scritte innumerevoli parole su questa macchina, ma Auto d'Epoca le ha riassunte così: "Si può definire la più spettacolare e importante delle Ferrari speciali .... combina i classici elementi Ferrari di un'estetica sensuale con un'anima corsaiola".

Buyer's Premium

10%

Estimate €2,200,000 – €2,900,000
Starting Bid €1,100,000
live auction started on
Us Auction
3:15 AM - May 17, 2009
Ended
Auctioneer
RM Auctions

Contact

5536 County Rd 11A
Auburn, IN 46706
United States


ASK AUCTIONEER A QUESTION